I primi pomodorini della stagione

E’ iniziato giugno…e con esso speriamo sia un pò finito il periodo delle piogge!! Questa primavera a Torino è stata davvero difficile, ha piovuto forse quasi più giorni di quanto non ci sia stato sole e inevitabilmente questo è andato a incidere sulle nostre coltivazioni, soprattutto per chi ha un giardino o un terrazzo non riparato.

Oidio o mal bianco sulle foglie di una rosa

Per quanto riguarda il mio giardino, le difficoltà maggiori le ha avute il prato, che, seminato per la prima volta a marzo dopo i lavori per migliorare il drenaggio del terreno, ha faticato molto a crescere e ci ha richiesto tante e ripetute semine. In ultimo, dato che l’esposizione non è proprio di sole pieno, abbiamo deciso di integrare i “buchi” ancora rimasti qua e là con del trifoglio nanissimo, che renderà un più fitta l’erba oltre a rendere tutto un pò più “rustico” come piace a noi!
Oltre a questo, il tanto umido delle piogge abbinato agli sbalzi termici ha messo tutte le piante a rischio di attacchi di infezioni fungine, come ad esempio l’oidio (o mal bianco). Ricordatevi di nebulizzare le vostre piante con il “verderame” (solfato rameico), che è consentito anche in coltivazione biologica (ovviamente evitate di spruzzarlo proprio direttamente sui frutti altrimenti dovrete lavarli con l’Amuchina!!). In alternativa io sto utilizzando un estratto naturale di Equiseto, lo trovate su www.biogarden.it. Facile, direi anche abbastanza economico e soprattutto non tossico!
E’ il momento giusto dell’anno per mettere in piena terra, oppure in vaso se non l’avete già fatto prima (entro la prima metà del mese al massimo), pomodori, basilico, melanzane, peperoni, carote, lattughe, porri, cavoli. 

Le mie zucchine in fiore

Per quanto riguarda le piante, in giardino le rose antiche sono ormai sfiorite mentre le rifiorenti stanno sfiorendo e vanno potate a quattro/cinque gemme dall’innesto del ramo che ha fiorito per consentirne un’altra fioritura. Se come me avete anche comprato dei semi di fiori annuali (io ho comprato dei semi di Cosmos e di Cleome), è l’ultimo momento buono per seminarli in terra o in vaso, con le temperature attuali dovrebbero svilupparsi in una settimana/quindici giorni al massimo. Se avete un balcone al sole, in vaso è il momento delle surfinie e dei gerani, che ormai imperversano in tutti i garden e sui banchi di fiori. Ricordatevi solo che, soprattutto per le surfinie, sarebbe il caso di dare loro qualche ora di ombra ora che la temperatura inizia ad alzarsi, pena l’attacco dei simpatici afidi…Ovviamente le innaffiature in questo periodo e soprattutto se siete in pieno sole, vanno fatte tutti i giorni al mattino presto o dopo il tramonto, cercando di bagnare il meno possibile le foglie. Lo stesso vale per l’utilizzo di fitofarmaci contro le malattie.

Le melanzane si preparano a fruttificare!

Per quanto riguarda il mio giardino, nonostante imperversi ancora la malefica e puntuale nuvoletta di pioggia del fine settimana, finalmente iniziamo a vedere un pò di frutti.

Frutti o “fiori prima dei frutti”: da pochi giorni si sono aperti i fiori delle zucchine e quelli delle melanzane. Le prime le avevo piantate già a inizio di aprile, azzardando a giocare d’anticipo: ovviamente non essendo ancora stagione, loro puntualmente fino ad adesso non avevano prodotto nulla!. Le seconde invece le avevo piantate in piena terra a inizio di maggio. Anche i pomodori stanno iniziando a produrre, sono in fiore le varietà Cherry Black e Yellow acquistate dai Fratelli Gramaglia durante Fiorito, mentre la varietà di pomodorino perino ha già anche un paio di frutti. In questo fine settimana metterò a dimora anche gli ultimi pomodori ciliegini che avevo seminato in una cassettina sul balcone, che sono diventati più robusti e non temono più la pioggia battente. Ho anche altre due piante seminate nella stessa cassetta, che non ricordo se sono di zucche o di zucchine….:-) metterò in terra anche quelle e vedremo che ne verrà fuori!